Poesia & poemas

1 febbraio 2013

Il codice dell’anima

Filed under: Libri — patriziaercole @ 10:07 pm

image018

Un daimon guida la nostra vita e le nostre scelte. Se noi lo contrastiamo o lo ignoriamo ci ricorda la sua presenza con sintomi o malattie.
Non è una questione di Natura o di Cultura, di patrimonio genetico o di influssi ambientali, di infanzia e genitori inadeguati: il dipanarsi delle nostre esistenze è guidato da qualcos’altro che la psicologia scientifica non riesce a focalizzare, perché non si tratta di entità visibili e misurabili.
La bellezza, la fantasia e l’immaginazione hanno abbandonato la psicologia moderna e le nostre vite. Le categorie, in cui ogni giorno cercano di ingabbiarci, non rendono conto della complessità e unicità di ogni persona.
Esiste qualcosa, in ciascuno di noi, che ci induce a essere in un certo modo, a fare certe scelte, a prendere certe vie – anche se talvolta simili passaggi possono sembrare casuali o irragionevoli?
Se esiste, è il ‘daimon’, il ‘demone’ che ciascuno di noi riceve come compagno prima della nascita, secondo il mito di Er raccontato da Platone. Se esiste, è ciò che si nasconde dietro parole come “”vocazione””, “”chiamata””, “”carattere””. Se esiste, è la chiave per leggere il “”codice dell’anima””, quella sorta di linguaggio cifrato che ci spinge ad agire ma che non sempre capiamo.
Dopo anni di indagini sulla psiche, che hanno fatto di lui l’autore di saggi memorabili come “”Il mito dell’analisi”” e “”Re-visione della psicologia””, James Hillmann ha voluto darci con questo libro le prove circostanziate dell’esistenza e dei modi di operare del ‘daimon’. E ha scelto una via inusuale ed efficacissima, quella cioè di impiegare come esempi non oscuri che ogni lettore conosce: da Judy Garland a John Lennon e Tina Turner, da Truman Capote a Quentin Tarantino e Woody Allen, da Hannah Arendt a Richard Nixon e Henry Kissinger, da Hitler ai serial killer.
Attraverso questa profusione di storie eloquenti e paradigmatiche Hillmann è riuscito a farci capire che se la psicologia si è dimostrata incapace di spiegare le scelte più profonde che decidono la vita di tutti noi è proprio perché aveva perso contatto con il ‘daimon’.
E soprattutto a farci sentire di nuovo la presenza di questo compagno segreto dal quale, più che da ogni altro elemento, la nostra vita dipende.
Hillman in questo libro, che costituisce un po’ una summa del suo pensiero, ci parla, utilizzando anche le biografie di persone famose e facendo ricorso come al solito alla migliore tradizione del pensiero filosofico, di intuizione, di carattere, di vocazione, di destino, di pensiero mitico, di necessità e di provvidenza, concetti cui oggi mai si accenna durante le sedute di psicoterapia.
Un altro bel libro su cui riflettere, questo dello psicanalista americano, per combattere il conformismo di una cultura psicologica troppo razionalista e meccanicistica che può rivelarsi patogena in sommo grado.
Un libro avvincente e chiaro che apre la nostra esistenza a nuove prospettive.

James Hillman, Il codice dell’anima, Adelphi, 1998

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: