Poesia & poemas

14 giugno 2012

INTANTO

Filed under: Libri,Poesie — patriziaercole @ 7:09 pm

Adelina Gregoris 1950 circa

Intanto lei torna da me ogni volta che dormo in sogno
e le dico bentornata, siediti intanto,
e lei rassetta, al suo solito, il cuscino,
è innaturale che una madre non rassetti il cuscino a suo figlio
e che il figlio rassetti invece il cuscino di sua madre
e asciugo i suoi sudori freddi e liscio i suoi capelli stopposi
e stringendole la mano fredda le dico non temere
il posto dove vai, non ne tornerai
a mani vuote come tante volte ne tornasti
perché nel posto dove vai non ci sono speranze
né perdita, rimorso e dolore, neppure quello di madre,
nel posto dove vai non manca nulla. È un posto perfetto.

Nathan Zach

da Sento cadere qualcosa

Nato nel 1930 a Berlino da padre tedesco e madre italiana, Zach è ben presto costretto dal nazismo ad emigrare in Palestina con la famiglia. Benché all’epoca fosse molto piccolo, quest’evento segnò indelebilmente la sua vita (“Hitler ancora scorre nelle mie vene”, egli scrive), configurandosi come un fatto traumatico nella sua poesia (“…ma io mi accontento di gridare nel sogno”). E’  uno dei maggiori poeti israeliani viventi.
Quando Zach emigrò ad Haifa quando era solo un bambino. Fece parte dell’avanguardia di un gruppo di poeti che iniziarono a pubblicare, dopo la fondazione di Israele. Come redattore e critico, ma anche come traduttore e poeta, Zach ha avuto una grande influenza sullo sviluppo della moderna poesia ebraica. A distinguerlo dai poeti della generazione degli anni 1950 e 1960 è il suo manifesto poetico Zeman veRitmus etsel Bergson uvaShira haModernit [Time and Rhythm in Bergson and in Modern (Hebrew) Poetry], oltre al saggio “Pensieri sulla poesia Alterman», che è stato pubblicato sulla rivista Achshav  (Adesso) nel 1959.  Un manifesto importante per la ribellione del Likrat (verso), contro il pathos lirico dei poeti sionisti, anche se è stato un attacco a Nathan Alterman, uno dei poeti più importanti e stimati del paese. Nel saggio Zach decide nuove regole per la poesia, rima e metrica diverse da quelle che erano consuetudine nella poesia ebraica in quel momento.
Dal 1960 al 1967, Zach tenne diverse conferenze negli istituti di istruzione superiore di Tel Aviv e di Haifa. Dal 1968 al 1979 ha vissuto in Inghilterra, completando il suo dottorato di ricerca presso la University of Essex .
Dopo essere tornato in Israele, ha insegnato presso la Tel Aviv University ed è stato professore presso l’ Università di Haifa.
E’ conosciuto per le sua traduzioni della poesia di Else Lasker Schuler (la poetessa tedesca fuggita dalla Germania nazista che morì a Gerusalemme nel 1945) e di Allen Ginsberg.

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: