Poesia & poemas

19 Mag 2009

Non salvarti

Filed under: Poesie — patriziaercole @ 6:04 pm

Non rimanere immobile sul ciglio della strada,
non congelare la felicità,
non amare controvoglia,
non salvarti nè ora
nè mai.
Non salvarti,
non riempirti di serenità,
non riservarti del mondo
solo un angolo tranquillo;
non lasciare cadere le palpebre
pesanti come sentenze,
non rimanere senza labbra,
non dormire senza sonno,
non crederti privo di sangue,
non giudicarti frettolosamente.

Ma se nonostante tutto
non puoi farne a meno
e congeli la felicità,
e ami controvoglia,
e ti salvi adesso,
e ti riempi di serenità,
e ti riservi del mondo
solo un angolo tranquillo,
e lasci cadere le palpebre
pesanti come sentenze,
e resti senza labbra,
e dormi senza sonno,
e ti giudichi frettolosamente,
e rimani immobile
sul ciglio della strada,
e salvi te stesso…
Allora
non restare con me.

Mario Benedetti – Traduzione di Mauro Ricotta.

No te quedes inmóvil
al borde del camino
no congeles el júbilo
no quieras con desgana
no te salves ahora
ni nunca
no te salves
no te llenes de calma
no reserves del mundo
sólo un rincón tranquilo
no dejes caer los párpados
pesados como juicios
no te quedes sin labios
no te duermas sin sueño
no te pienses sin sangre
no te juzgues sin tiempo

pero si
pese a todo
no puedes evitarlo
y congelas el júbilo
y quieres con desgana
y te salvas ahora
y te llenas de calma
y reservas del mundo
sólo un rincón tranquilo
y dejas caer los párpados
pesados como juicios
y te secas sin labios
y te duermes sin sueño
y te piensas sin sangre
y te juzgas sin tiempo
y te quedas inmóvil
al borde del camino
y te salvas
entonces
no te quedes conmigo.

 Mario Benedetti (Uruguay )
(Poemas del Alma)

Mario Benedetti (nome completo: Mario Orlando Hamlet Hardy Brenno Benedetti Farugia; Paso de los Toros, 14 settembre 1920 – Montevideo, 17 maggio 2009) è stato uno scrittore uruguaiano.
È morto a Montevideo Mario Benedetti, scrittore, giornalista, rivoluzionario, ma soprattutto poeta. Era il poeta del popolo, cantava l’amore e la Patria Grande, e chiamava per nome e cognome i nemici dell’America latina.
Militante politico latinoamericanista, perseguitato ed esiliato in dittatura, coscienza critica del Novecento, cantore della dolcezza dell’amore. Il linguaggio, l’ironia, la sensibilità, la modestia, l’umanità lo facevano dei grandi poeti latinoamericani del XX secolo quello sicuramente più popolare.
Così Don Mario Benedetti era soprattutto, cosa rara per la poesia, conosciuto ed amato da moltitudini, milioni di persone che da un capo all’altro del continente conoscono e recitano a memoria decine e decine dei suoi versi, “Tattica e Strategia”, “Non salvarti”, “Bruciare le navi”, “Facciamo un patto”, “Difesa dell’allegria” e cento altre.

Blog su WordPress.com.